Carte francesi, tutto quello che serve sapere


Note e diffuse in tutto il mondo, le carte francesi devono buona parte della propria fama moderna al Poker, il gioco associato per antonomasia a questo particolare tipo di mazzo. In realtà, vengono adoperate anche per numerosi altri giochi e solitari, inclusi quelli disponibili in versione online tramite app come quella di Digitalmoka. Ad alimentare il fascino delle carte da gioco francesi contribuisce certamente anche una storia lunga e affascinante, che affonda le sue radici nel tardo Medioevo e arriva fino ai giorni nostri. In aggiunta, pur vantando numerose varianti – incluse quelle regionali italiane – si contraddistinguono per una veste grafica ben riconoscibile, grazie alla foggia dei semi e la rappresentazione delle ‘figure’.

Carte da gioco francesi: storia

Benché l’origine delle carte da gioco sia ignoto, si ritiene che siano arrivate in Europa nella seconda metà del 14° secolo, a seguito dei contatti tra i popoli europei e i Mamelucchi egiziani. In Francia, la prima attestazione relativa alle carte da gioco risale già al 1377; fino al secolo successivo, i semi francesi erano molto simili a quelli che ancora oggi sono i semi tedeschi (Cuori, Campanelli, Ghiande e Foglie), prima di essere modificati attraverso un processo di stilizzazione: i cuori sono rimasti sostanzialmente identici mentre le ghiande si sono trasformate in fiori e le foglie in picche. I campanelli non sono stati sostituiti immediatamente con i quadri: fino alla fine del Quattrocento, infatti, i mazzi francesi prevedevano un seme di luna crescente, come testimoniato da un mazzo realizzato da François Clerc of Lyon, datato tra il 1485 e il 1496 circa, oggi conservato presso la Bibliothèque nationale de France. Nel corso della loro storia, i mazzi di carte francesi hanno subito l’influenza di altre tradizioni nazionali sviluppando, al contempo, alcune caratteristiche peculiari. Una di queste è la presenza della regina, un tratto più unico che raro nelle carte da gioco europee. I mazzi regionali italiani a semi spagnoli, così come quelli tedeschi, includono tre figure maschili (il Re, il Cavaliere e il Fante) mentre nelle carte francesi figura la Regina (Q). La raffigurazione dei volti venne influenzata notevolmente dallo stile in uso nei mazzi spagnoli, così come la postura del Re: mentre nei mazzi regionali italiani a semi spagnoli vengono rappresentati seduti sul trono, nelle carte francesi sono in piedi. Verso la fine del Cinquecento, i produttori francesi presero a realizzare delle raffigurazioni caricaturali dei reali di Francia: verso il 1580, comparvero dei mazzi in cui Enrico III regge un ventaglio anziché uno scettro. La reazione del sovrano non si fece attendere: nel 1581 furono proibite le caricature sulle carte da gioco che, contestualmente, cominciarono ad essere tassate. Molti stampatori si ribellarono, e preferirono emigrare in Germania o nei Paesi Bassi per proseguire la propria attività. Nel 16° secolo si colloca, per convenzione, anche la nascita delle moderne carte francesi, generalmente attribuita al mazzo di Pierre Maréchal, realizzato nel 1567 circa a Rouen, uno dei maggiori centri per la produzione cartaria dell’epoca. Nel corso del secolo successivo, altre città come Lione, Bordeaux, Troyes e Marsiglia videro fiorire la produzione di carte da gioco; tra il 1650 e il 1675, ad esempio, a Lione avevano sede oltre duecento botteghe di fabricants de cartes. Con il passare del tempo, la veste grafica del mazzo di carte francesi si stabilizza sempre più; le ultime modifiche significative vengono approntate nell’Ottocento: in questo periodo compaiono gli indici agli angoli delle carte e gli spigoli vengono smussati. In aggiunta, le carte divengono speculari, così da poter essere utilizzate senza che i giocatori fossero costretti a girarle.

Mazzo di carte francesi: caratteristiche

Un mazzo standard di carte francesi conta 52 carte (e due jolly), anche se esistono versioni da 32 e 36 carte. A prescindere dal numero, sono divise in quattro semi, due rossi (Cuori e Quadri) e due neri (Picche e Fiori). Ciascun seme è composto da 13 carte (nei mazzi da 52), di cui dieci numerali (dall’Asso al 10) e tre figure: il Re (King), la Regina (Queen) e il Fante (Jack). Dal punto di vista grafico, le svariate versioni nazionali del mazzo francese non presentano particolari differenze; per quanto riguarda le figure, invece, si registra una maggiore diversificazione. Nel cosiddetto “modello parigino”, che dal 1780 circa rappresenta il mazzo di riferimento, le figure sono speculari in diagonale; la stessa impostazione caratterizza le carte genovesi e i mazzi diffusi in Belgio (non a caso, si parla di “modello belga genovese”) mentre le regionali piemontesi presentano le figure speculari in orizzontale, al pari della versione russa delle carte francesi (“modello russo”) e delle varianti del “modello di Amburgo” utilizzate nella Germania settentrionale. Secondo il già citato “modello parigino”, ciascuna figura è la rappresentazione di un personaggio storico, biblico o mitologico:
  • Re di Picche: David (re d’Israele);
  • Re di Cuori: Carlo Magno;
  • Re di Quadri: Giulio Cesare;
  • Re di Fiori: Alessandro Magno;
  • Regina di Picche: Pallade, la dea della strategia in battaglia;
  • Regina di Cuori: Giuditta, un personaggio della Bibbia protagonista di un aneddoto ambientato all’epoca del re babilonese Nabucodonosor;
  • Regina di Quadri: Rachele, la consorte prediletta di Giacobbe;
  • Regina di Fiori: Argine; probabilmente un semplice anagramma di “regina” ma, secondo un’altra ipotesi, un riferimento ad Argea, madre di Argo e moglie di Polibio;
  • Fante di Picche: Ogier il Danese, protagonista di una chanson de geste medievale;
  • Fante di Cuori: Étienne de Vignolles, detto “La Hire”, condottiero francese protagonista della Guerra dei Cento Anni;
  • Fante di Quadri: Ettore, l’eroe omerico;
  • Fante di Fiori: Lancillotto.

Quali giochi fare con un mazzo di carte francesi

I mazzi francesi da 52 carte possono essere utilizzati per fare praticamente qualsiasi gioco, sia i solitari che quelli di squadra. Tra questi, i più famosi sono certamente il Poker, il Burraco e il Ramino (per il quale servono due mazzi) ai quali si aggiungono giochi italiani come la Scopa e la Briscola, per i quali si può usare un mazzo regionale da 40 carte o uno da 52, scartando le numerali dall’8 al 10.

Forse può interessarti…


Solitario: il gioco di carte più amato dagli italiani

Il vero gioco della Solitario nella versione Online di Digitalmoka.

Come si gioca alla Calabrisella

La tradizione italiana dei giochi di carte, alcuni dei quali disponibili tra i giochi di carte gr…

Solitario con carte coperte: come si fa

I solitari sono un’ampia categoria di giochi di carte nei quali un singolo giocatore sfida la sor…